Spedizione Umanitaria 2015

Gruppo genitori Milano, 15 marzo 2015,

L'associazione IRFF–Italia organizza anche questo anno la spedizione umanitaria a favore degli orfanotrofi Chisinau e Oras Balti in Moldavia.

La UPF–Ticino partecipa con l'invio di materiale dal Ticino e da questo anno con l'adesione al progetto di adozione a distanza di un giovane moldavo.

Domenica 15 marzo si è tenuto l'incontro per la raccolta dei pacchi presso la sede della FFWPU di Milano.

I partecipanti tra i quali molti sostenitori adottivi hanno potuto consegnare il proprio pacco che la irff consegnerà in occasione della spedizione umanitaria (21–26 aprile)

L'incontro è stato anche l'occasione per scambiarsi le esperienze personali e ricevere informazioni circa i programmi correnti e futuri.


Sergio Valgoi Sergio ha iniziato facendo il resoconto dell’anno 2014, e illustrando il programma per il 2015, chiedendo ai presenti se tutti ricevessero le mail informative dell’IRFF: "questo è un aspetto fondamentale, perché ci permette di sentirci uniti nel nostro lavoro.

Come prima cosa desidero ringraziare Annamaria Alberio, che purtroppo ora é malata, che è stata un pilastro della nostra Associazione". Sergio ha poi sottolineato come l’ unico obiettivo dell’IRFF sia quello di aiutare questi ragazzi meno fortunati: non importa se chi collabora in questo, ha una cultura, una razza o una religione diversa, quello che conta sono le azioni comuni di solidarietà verso i più deboli e sfortunati.

"Nella storia della nostra Associazione ci sono momenti fondamentali che permettono lo sviluppo delle attività. Quello di oggi è uno dei più importanti perché mostra la vostra fiducia nei nostri confronti e ci stimola a continuare questo progetto di solidarietà. Molti abitano lontani e altri ancora non possono partecipare per vari impegni. A tutti i sostenitori desidero esprimere gratitudine".

Sergio ha poi parlato della prossima spedizione umanitaria, alla quale hanno già aderito 4 sostenitori: Sergio Valgoi, Elisabetta Baum, Ines Baldin e per la prima volta, Salvatore Iacono sostenitore che abita in Svizzera.

A seguire sono stati mostrati dati del bilancio e infine Sergio ha parlato del successo che l’IRFF ha ottenuto nei confronti degli aspetti educativi che sta proponendo nelle scuole Italiane. Tutto inizia dal desiderio dei responsabili delle scuole di conoscerci: noi semplicemente illustriamo il nostro lavoro e lasciamo poi che siano i docenti insieme ai genitori e bambini a proporre iniziative di sostegno verso questi bambini della Moldavia. L’esperienza per ora ci ha portato nelle scuole elementari della Valtellina e di Bergamo, ma possiamo muoverci in tutte le città. Nelle nostre lezioni cerchiamo di far emergere nei bambini il concetto di "gratitudine" nei confronti delle proprie famiglie che li aiutano a crescere, mostrando come in Moldavia questo sia per i loro coetanei, molto più difficile.

Sergio ha poi spiegato il programma che verrà svolto nei giorni della spedizione umanitaria 2015 (dal 21 al 26 aprile) e l’invito a recarsi tutti in Valtellina il 2 giugno alle h 14:00 presso la "Santa Casa" di Tresivio dove per l’occasione oltre a sentire l’esperienza degli interessati, potremo ascoltare alcune canzoni di un coro maschile ed uno femminile della provincia di Sondrio ed alla fine assaggiare un buon bicchiere di vino e gustare alcuni prodotti tipici Valtellinesi.

A conclusione Sergio ha chiamato sul palco il gruppo dei soci del consiglio direttivo della IRFF: "senza di loro non sarebbe possibile fare tutto quello che facciamo. La loro presenza oltre a dare valore legale alla stessa associazione, permette di prendere le adeguate decisioni nei vari consigli direttivi". Da parte loro è stato espresso un caloroso apprezzamento verso tutti coloro che sono intervenuti a questo incontro: "ci date forza per continuare ad impegnarci", questo è stato la sintesi del loro messaggio.

Dopo aver fatto una bella foto di gruppo abbiamo caricato i pacchi sul furgone per portarli presso la sede locale dove saranno predisposti per essere portati in Moildavia.
Durante l’incontro sono stati raccolti circa 200 kg di pacchi e 241 €.

Con il desiderio di incontraci in Valtellina il 2 di Giugno, cogliamo l’occasione per inviare ad ognuno di voi ed alle vostre famiglie tanti auguri di serenità e di pace. Sergio